01 Ottobre 2020
news
percorso: Home > news > Mercato

Chiamami Bond... Junk Bond

11-10-2010 19:23 - Mercato
Chiamami Bond... Junk Bond
Chiamami Bond... Junk Bond
Marco Sodano per "La Stampa"

Sono tornati, e anche di gran carriera. Si chiamano bond, junk bond, le obbligazioni spazzatura che garantiscono rendimenti molto alti perché comportano un alto livello di rischio. Il loro rating è estremamente basso, gli interessi corrono e fanno gola al mercato.

Nei primi nove mesi dell´anno in tutto il mondo sono stati collocati titoli di questo tipo per 275 miliardi di dollari: nello stesso periodo del 2009 ci si era fermati a quota 163 miliardi, dicono i dati di Dealogic, che certificano una crescita del 58%. Lo spread (la differenza) rispetto al rendimento dei titoli di Stato americani è salito a 625 punti base. Nel giugno 2007, prima della tempesta, era intorno a 250.

I trader sono concordi: «Dal 1988 in poi questo è il momento migliore che si sia mai visto - spiegano -. E il mercato dei titoli ad alto rendimento sembra orientato a crescere ancora». Gran parte di questa fiducia si deve al fatto che le contromisure prese per la grande crisi hanno dimostrato che i governi non hanno intenzione di permettere il fallimento delle grandi istituzioni finanziarie.

A questo punto, chiaro che un bel bond spazzatura diventa estremamente appetitoso. Questa settimana il rendimento dei T-bond Usa (i titoli di Stato del Tesoro americano) è crollato allo 0,36%, mentre il junk bond offre un interesse medio del 7,5% circa. Il segnale non è rassicurante: Wall Street conobbe una miscela analoga di tassi bassi e corsa dei prodotti ad alto rischio sia alla vigila della bolla delle dot.com all´inizio degli Anni Novanta sia poco prima di quella immobiliare del Duemila.

La situazione, oltretutto, è complicata dalla ripresa che stenta: sono molte le aziende in gravi difficoltà che prima di cadere vanno a cercare liquidità sul mercato obbligazionario. Se la mossa riesce, gli investitori rivedono i soldi. Se il passo fallisce, cominciano i guai. Basta un crac solo, anche piccolo, per scatenare il panico sui mercati, con indici che precipitano e aziende che saltano. Una giostra già vista.

Con la differenza che negli Anni 80 le aziende emettevano bond per fare acquisizioni mentre oggi, spiegano a Wall Street, lo fanno per rinegoziare debiti già esistenti o - in qualche caso - per pagare dividendi ai private equity che le hanno acquisite prima del grande crollo. Il denaro investito per crescere ha meno difficoltà a rendere bene di quello cercato per tappare le falle di una contabilità traballante.

L´indice di Bank of America Merrill che traccia il mercato dei junk bond è salito nei giorni scorsi oltre quota 100 per la prima volta da quando è iniziata la crisi. E di spazzatura sul mercato ne arriverà ancora parecchia, giurano nelle sale operative.

È interessante anche il confronto con l´intero mercato delle obbligazioni. Da gennaio a settembre ne sono state collocate sul mercato mondiale per 4.500 miliardi di dollari, con un calo dell´8% che accostato alla crescita dei junk già citata (58%) fa impressione. E i collocamenti di obbligazioni a basso rendimento - quelle meno sicure - sta calando. Il mercato, insomma, torna a giocare con l´ottovolante. Come se non si fosse mai fatto male, come se non fosse successo nulla.

Per ora va bene a tutti: alle banche che incassano più commissioni (mentre il mercato calava dell´8% queste ultime crescevano dell´1% e mentre i titoli ad alto rischio sono cresciuti del 58, le loro commissioni hanno fatto un balzo del 93). Va bene alle imprese, che riescono a raccogliere liquidità senza troppe difficoltà anche se sono in crisi, va bene agli investitori che - almeno sulla carta - si vedono garantiti ottimi ritorni dai loro investimenti.

l risultato è sotto gli occhi di tutti: gli investitori sono spinti dagli interessi a scommettere sui titoli incerti, forse dimenticando quali potrebbero essere le conseguenze. Il boom delle obbligazioni junk, sul versante opposto, spinge aziende instabili a correre ai ripari sul mercato del credito. Il cane ha ricominciato a rincorrere la sua coda. Un girotondoo pericoloso.

__________________________

Junk bond è un titolo speculativo, caratterizzato da un elevato rischio di investimento e pertanto remunerato da un rendimento alto. Il livello di rischio assegnato al titolo è legato alla probabilità di insolvenza da parte del soggetto che emette l´obbligazione, si tratti di una società o di un Governo. Nell´ipotesi dell´insolvenza, l´investitore perderebbe, in tutto o in parte, il capitale utilizzato. Alcuni fondi pensione hanno il divieto di investire in questo genere di titoli. Moody´s classifica come speculativi - junk, spazzatura appunto - i bond con merito inferiore a Baa3; S&P e Fitch quelli sotto BBB-



Ti potrebbero interessare anche:
TeamSystem: conclusa emissione bond da 300 mln euro
TeamSystem: mandato a banche per bond a 7 anni da 300 mln

Fonte: http://argomenti.ilsole24ore.com/junk-bond.html

close
ACCEDI

NON SONO REGISTRATO

crea account
invia ad un amico
chiudi
Attenzione!
Non puoi effettuare più di 10 invii al giorno.
informativa privacy
Informativa per il trattamento dei dati personali ai sensi dell´articolo 13 del Codice della privacy (D.Lgs. n. 196/2003)


Gentile utente

la informiamo che i Vs dati personali, raccolti dalla fonte comunicata in calce al testo email o al fax che ha ricevuto, sono stati trattati per l´invio di comunicazioni commerciali a mezzo di posta elettronica o fax. Titolare del trattamento dei dati personali è SISOFT srl., nella persona del suo legale rappresentante Adriano Fredianelli, con sede in Montopoli in val d´Arno (PI), Via Napraia 29 (indirizzo e-mail infoy@sisoft.org ).

SISOFT srl ha adottato una specifica politica per la tutela della privacy, che può essere consultata all´indirizzo internet www.sisoft.org, che prevede le azioni e le misure previste per la tutela degli interessati e per l´esercizio dei diritti previsti dall´articolo 7 del codice della privacy.

La informiamo, altresì, che se desidera che i suoi dati siano rimossi dalla banca dati costituita e gestita da SISOFT srl., può scrivere un messaggio di posta elettronica all´indirizzo info@sisoft.org, indicando specificamente l´indirizzo e-mail (o tutti gli indirizzi facenti capo ad un dominio, nella sua disponibilità), di cui vuole la rimozione. Un messaggio le confermerà l´avvenuta cancellazione.
torna indietro leggi informativa privacy  obbligatorio