27 Settembre 2020
news
percorso: Home > news > Normativa

IVA per cassa

18-11-2012 20:32 - Normativa
IVA per cassa - NTS Business .NET
IVA per cassa
IVA PER CASSA - alla luce del Decreto del Ministero dell´Economia e delle Finanze dell´11.10.2012 (in corso di pubblicazione in Gazzetta Ufficiale).
Il Decreto Legge n. 83/2012, ai commi 3 e 4 dell´articolo 32-bis, introduce la possibilità di optare per un nuovo regime di liquidazione dell´IVA denominato "per cassa".
Pertanto, si viene a delineare una nuova modalità di liquidazione dell´IVA che va a costituire un´alternativa, al sussistere di determinati requisiti, al principio di esigibilità regolato dall´articolo 6, D.P.R. n. 633/72.
Questo nuovo regime di liquidazione differita dell´imposta, andrà a sostituire quanto previsto dall´articolo 7, D.L. n. 185/2008, pur avendone acquisito degli elementi di contatto.
Come meglio si specificherà anche nel prosieguo della trattazione, per quanto concerne l´entrata in vigore dell´IVA per cassa, a differenza delle aspettative, questa è stata fissata alla data del 1 dicembre 2012 anziché del 1 gennaio 2013.


Presupposti per aderire al regime dell´IVA per cassa

Diversi sono gli elementi di novità rispetto a quanto previsto dall´articolo 7, D.L. n. 185/2008.

Primo tra tutti la necessità di comunicare all´Agenzia delle Entrate la volontà di aderire a questo nuovo regime tramite opzione:
  • purtroppo ancora manca il provvedimento relativo alle modalità di esercizio dell´opzione e di revoca.
  • possono optare per l´IVA per cassa i contribuenti che nell´anno solare precedente hanno realizzato o, in caso di inizio di attività prevedono di realizzare, un volume d´affari non superiore a due milioni di euro.


Per i soggetti che esercitano l´opzione per l´IVA per cassa, l´Imposta sul Valore Aggiunto relativa alle cessioni di beni ed alle prestazioni di servizi effettuate nei confronti di cessionari o committenti che agiscono nell´esercizio di impresa, arte o professione, diviene esigibile all´atto dell´ incasso dei relativi corrispettivi.

Decorso un anno dal momento di effettuazione dell´operazione, l´imposta diviene comunque esigibile, eccezion fatta nelle situazioni in cui il cessionario o committente, prima del decorso di un anno dall´effettuazione dell´operazione sia stato assoggettato a procedure concorsuali:

questo elemento trova corrispondenza con quanto precedentemente previsto dall´articolo 7, D.L. n. 185/2008.

Per i soggetti che esercitano l´opzione dell´IVA per cassa, il diritto a detrarre l´Imposta sul Valore Aggiunto concernente gli acquisti effettuati, sorge al momento del pagamento dei relativi corrispettivi:

pertanto il funzionamento dell´IVA per cassa funziona non solamente sulle fatture emesse ma anche sugli acquisti effettuati.

Possono optare per il regime dell´IVA per cassa tutti i soggetti passivi IVA che effettuano servizi o cedono beni nei confronti di titolari di reddito d´impresa o professionale a patto che, i contribuenti che intendono optare, abbiano effettuato nell´anno precedete all´opzione o che prevedono di effettuare in caso di inizio attività, un volume di affari non superiore a 2 milioni di euro:

il D.L. n. 85/2008 prevedeva come limite utile all´opzione un volume d´affari non superiore ad euro 200 mila.

La norma non va ad interessare i cessionari o committenti dei soggetti passivi di imposta che optano per l´IVA per cassa:

infatti i cessionari o committenti che non hanno esercitato l´opzione per l´IVA per cassa, hanno diritto a detrarre l´IVA una volta effettuata l´operazione senza dover prima provvedere al pagamento.


Operazioni escluse

Sono escluse dalla disciplina dell´IVA per cassa le operazioni effettuate nell´ambito di regimi speciali di applicazione dell´imposta tra i quali:
  • regime del margine per rivenditori di beni usati, oggetti d´arte o antiquariato;
  • regime di cui all´articolo 74-ter, D.P.R. n. 633/72, inerente l´attività delle agenzie di viaggio e turismo;
  • regime di cui all´articolo 34-bis, D.P.R. n. 633/72, inerente le attività agricole connesse;
  • regime per il commercio di sali, tabacchi, settore editoriale, servizi di telefonia.



Operazioni altresì escluse dalla liquidazione dell´IVA per cassa sono:
  • le cessioni di beni e le prestazioni di servizi effettuate nei confronti di soggetti che non agiscono nell´esercizio d´imprese, arti o professioni: pertanto sono escluse le operazioni nei confronti dei consumatori finali;
  • le operazioni effettuate nei confronti dei soggetti che assolvono l´imposta mediante il meccanismo dell´inversione contabile;
  • le operazioni che applicano l´esigibilità differita nei confronti di Enti pubblici di cui all´articolo 6, quinto comma, secondo periodo, del D.P.R. n. 633/72;
  • gli acquisti intracomunitari di beni;
  • le importazioni di beni;
  • le estrazioni di beni dai depositi IVA.


Il Ministero dell´Economia e delle Finanze ha precisato che:

le operazioni effettuate in regime di IVA per cassa, sono computate nelle liquidazioni periodiche relative al mese o trimestre nel corso del quale le stesse operazioni sono incassate:

ai fini della determinazione del volume d´affari invece, il riferimento rimane sempre l´esercizio in cui le operazioni sono effettuate.

Nel caso in cui un´operazione effettuata venga pagata solo in parte, ai fini dell´individuazione dell´imposta da versare, si farà riferimento solamente alla parte dell´imposta relativa al corrispettivo pagato.

Con lo stesso criterio, in caso di opzione per l´IVA di cassa, l´imposta sugli acquisti potrà essere detratta solamente al momento del pagamento e se il pagamento è solo parte del corrispettivo complessivo dovuto, potrà essere detratta la parte di imposta risultante dalla proporzione esistente fra la somma pagata e il corrispettivo complessivo dell´operazione.


Validità dell´opzione

Pur ribadendo che ad oggi manca il provvedimento del Direttore dell´Agenzia delle Entrate relativo alle modalità di esercizio dell´opzione e di revoca del regime dell´IVA per cassa, il Ministero dell´Economia e delle Finanze ci chiarisce quale sono i momenti di efficacia dell´opzione.

L´opzione per l´IVA di cassa ha effetto a partire dal 1° gennaio dell´anno in cui viene esercitata.

Nel caso in cui l´inizio dell´attività avvenga in corso di anno, l´opzione per l´IVA di cassa avrà i suoi effetti dalla data di inizio dell´attività.

In sede di prima applicazione, contrariamente a quanto tutti si aspettavano, l´articolo 8 del provvedimento del Ministero dell´Economia e delle Finanze, prevede la possibilità di optare anche per le operazioni effettuate a decorrere dal 1° dicembre 2012.

Inizio anticipato a dicembre 2012 inaspettato in quanto di facile applicazione alle liquidazioni mensili ma di certo meno per tutti coloro che liquidano l´IVA con periodicità trimestrale.

Per quanto riguarda i soggetti con liquidazione mensile, partire a dicembre non sarà un problema in quanto si troveranno a versare il 16 gennaio 2013 l´imposta sui documenti emessi alla data del 1° dicembre 2012 ed incassati alla data del 31 dicembre 2012.

La storia si complica per quei soggetti che liquidano l´imposta con periodicità trimestrale in quanto, l´imposta a debito relativa all´ultimo trimestre 2012, sarà calcolata relativamente ai documenti emessi a ottobre e novembre 2012 secondo i criteri ordinari e, relativamente ai documenti emessi a dicembre 2012 secondo il criterio dell´IVA per cassa:
pertanto per chi liquida l´imposta con periodicità trimestrale rimarrebbe esclusa dalla prima liquidazione con scadenza 16 marzo 2013, solamente l´IVA relativa alle fatture emesse dal 1° dicembre 2012 e non incassate alla data del 31 dicembre 2012.

Altra situazione critica si presenta quando un contribuente con liquidazione periodica trimestrale si trova ad aver superato il limiti di fatturato entro i quali viene concessa la facoltà di optare per l´IVA di cassa.

La norma prevede che al superamento della soglia dei 2 milioni di euro di volume di affari, il regime dell´IVA per cassa cessa dal mese successivo.

Pertanto il contribuente trimestrale che superasse tale limite ad esempio nel mese di maggio, dovrà liquidare aprile e maggio con il criterio di cassa e giugno con il criterio delle fatture registrate.

Sia il decreto del Ministero dell´Economia e delle Finanze, sia la relazione illustrativa chiariscono che, nel caso di fuoriuscita dal regime dell´IVA per cassa sia per superamento dei limiti di fatturato, sia per revoca, nella liquidazione relativa all´ultimo mese in cui è stata applicata l´IVA per cassa, andrà computata a debito l´intero ammontare dell´imposta ancora non versata afferente ai corrispettivi non ancora incassati.

Inoltre, sempre la relazione illustrativa del decreto del Ministero dell´Economia e delle Finanze, per quanto concerne le operazioni passive chiarisce che, in caso di fuoriuscita per superamento dei limiti di fatturato, le regole ordinarie di liquidazione dell´imposta si applicheranno con riferimento alle fatture ricevute a partire dal mese successivo dal superamento del fatturato, anche se l´acquisto a cui le fatture si riferiscono, sia stato effettuato nel periodo in cui era in essere il regime dell´IVA per cassa.

Seppur l´opzione dovrà essere comunicata all´Agenzia delle Entrate, il contribuente che decide di versare l´IVA con il regime per cassa, dovrà comunque indicare anche in fattura che trattasi di:

"operazione effettuata con IVA per cassa ai sensi dell´articolo 32-bis, D.L. n. 83 del 22 giugno 2012"

l´omessa indicazione costituirà una violazione formale.

Pasquale Lorenzo Gallesi






Fonte: http://www.sardegnacontributi.it/

close
ACCEDI

NON SONO REGISTRATO

crea account
invia ad un amico
chiudi
Attenzione!
Non puoi effettuare più di 10 invii al giorno.
informativa privacy
Informativa per il trattamento dei dati personali ai sensi dell´articolo 13 del Codice della privacy (D.Lgs. n. 196/2003)


Gentile utente

la informiamo che i Vs dati personali, raccolti dalla fonte comunicata in calce al testo email o al fax che ha ricevuto, sono stati trattati per l´invio di comunicazioni commerciali a mezzo di posta elettronica o fax. Titolare del trattamento dei dati personali è SISOFT srl., nella persona del suo legale rappresentante Adriano Fredianelli, con sede in Montopoli in val d´Arno (PI), Via Napraia 29 (indirizzo e-mail infoy@sisoft.org ).

SISOFT srl ha adottato una specifica politica per la tutela della privacy, che può essere consultata all´indirizzo internet www.sisoft.org, che prevede le azioni e le misure previste per la tutela degli interessati e per l´esercizio dei diritti previsti dall´articolo 7 del codice della privacy.

La informiamo, altresì, che se desidera che i suoi dati siano rimossi dalla banca dati costituita e gestita da SISOFT srl., può scrivere un messaggio di posta elettronica all´indirizzo info@sisoft.org, indicando specificamente l´indirizzo e-mail (o tutti gli indirizzi facenti capo ad un dominio, nella sua disponibilità), di cui vuole la rimozione. Un messaggio le confermerà l´avvenuta cancellazione.
torna indietro leggi informativa privacy  obbligatorio