01 Ottobre 2020
news
percorso: Home > news > Tecnologia

Lo stato del cloud computing in Italia

20-04-2012 09:30 - Tecnologia
Cloud computing
Cloud computing
Le applicazioni e i servizi "in the cloud", come la posta elettronica, i sistemi di storage online e di sharing dei documenti, sono diventati ormai di uso quotidiano... anche in ambito business, anche se il cloud computing non è ancora saldamente contemplato nei budget, e nei piani strategici delle imprese e dei professionisti italiani.

Oltre ai rischi - privacy, sicurezza dei dati e problemi di connettività - di questo paradigma, che intimoriscono rispetto alla sua definitiva adozione, c´è da tener presente che anche opportunità e benefici rimangono ancora troppo spesso nascosti o incompresi. Questa situazione fa dunque propendere i CIO verso la NON ADOZIONE delle strategie "as a service".

Per sondare l´idea che gli IT manager hanno del cloud computing, e verificare il ruolo del cloud nelle strategie delle aziende italiane, nel mese scorso Enter The Cloud ha condotto un´indagine su 90.000 professionisti del settore nel nostro Paese.
La prima parte del report è scaricabile in formato pdf.

Ecco cosa è emerso
• istantanea sul cloud
Il livello di adozione è ancora basso: solo il 20% degli intervistati ha già adottato strategie cloud, ma è in crescita il numero dei soggetti che le sceglieranno in futuro.

• maturità dei servizi
Tra le modalità di adozione e fruizione, le aziende preferiscono un approccio infrastrutturale (IaaS - 59%).

• un motore che spinge
L´esigenza di adottare strategie e strumenti cloud deriva principalmente dall´utilizzo in remoto di risorse e applicazioni (56%).

• anche se il freno a mano resta tirato
L´utilizzo aziendale del cloud è rallentato dalle indecisioni su privacy e sicurezza dei dati (43%).

• il cloud per risparmiare
Il 76% dei CIO intervistati vede nella riduzione dei costi infrastrutturali uno dei motivi economici trainanti per l´adozione del cloud.

• la scelta dei CIO
Il cloud privato fa meno paura: soluzioni di questo tipo sono o saranno sviluppate dal 56% degli intervistati.

• a proposito di hypervisor
WMware viene indicata come migliore soluzione: il marchio si conferma come "top of mind" della categoria per il 48% degli intervistati.

• affidarsi ad un vendor? Ancora no
Le offerte sono poco chiare: solo il 17% dei CIO ha scelto soluzioni cloud affidandosi ad un vendor; c´è spazio quindi per altri provider.

• investire per il cloud
Il 58% degli intervistati dichiara che la propria azienda investirà meno del 10% del budget ICT 2012 per la virtualizzazione e il cloud computing.

• l´italianità conta
Il 30% dei responsabili IT si affiderebbe solo a fornitori i cui server sono localizzati sul territorio nazionale.

... per approfondimenti
http://www.cloudeconomy.it/lo-stato-del-cloud-computing-in-italia

Fonte: http://www.cloudeconomy.it

close
ACCEDI

NON SONO REGISTRATO

crea account
invia ad un amico
chiudi
Attenzione!
Non puoi effettuare più di 10 invii al giorno.
informativa privacy
Informativa per il trattamento dei dati personali ai sensi dell´articolo 13 del Codice della privacy (D.Lgs. n. 196/2003)


Gentile utente

la informiamo che i Vs dati personali, raccolti dalla fonte comunicata in calce al testo email o al fax che ha ricevuto, sono stati trattati per l´invio di comunicazioni commerciali a mezzo di posta elettronica o fax. Titolare del trattamento dei dati personali è SISOFT srl., nella persona del suo legale rappresentante Adriano Fredianelli, con sede in Montopoli in val d´Arno (PI), Via Napraia 29 (indirizzo e-mail infoy@sisoft.org ).

SISOFT srl ha adottato una specifica politica per la tutela della privacy, che può essere consultata all´indirizzo internet www.sisoft.org, che prevede le azioni e le misure previste per la tutela degli interessati e per l´esercizio dei diritti previsti dall´articolo 7 del codice della privacy.

La informiamo, altresì, che se desidera che i suoi dati siano rimossi dalla banca dati costituita e gestita da SISOFT srl., può scrivere un messaggio di posta elettronica all´indirizzo info@sisoft.org, indicando specificamente l´indirizzo e-mail (o tutti gli indirizzi facenti capo ad un dominio, nella sua disponibilità), di cui vuole la rimozione. Un messaggio le confermerà l´avvenuta cancellazione.
torna indietro leggi informativa privacy  obbligatorio