29 Ottobre 2020
news
percorso: Home > news > Tecnologia

iCloud, Dropbox e i rischi del cloud computing

07-08-2012 19:03 - Tecnologia
Credo che sarà orrendo e che ci saranno un sacco di terribili problemi nei prossimi cinque anni
Steve Wozniak
Cloud computing sotto accusa per colpa degli ultimi attacchi ad iCloud e Dropbox, il cofondatore di Apple si dichiara contrario a memorizzare i dati nella nuvola.

Periodo nero per le aziende dell´IT, soprattutto per quelle che puntano al web ed al cloud computing. Dopo la violazione degli account Yahoo! a cadere sotto l´attacco dei cyber criminali sono stati Dropbox, con password rubate e spam agli utenti, e iCloud, con il caso del giornalista Mat Honan il quale si è visto sparire tutti i dati contenuti nei propri dispositivi Apple.

iCloud di Apple
Dall´iPhone, all´iPad fino al MacBook Air, Honan gestiva tutto tramite iCloud - il servizio di casa Apple in modalità cloud che consente di gestire e archiviare sul web i propri contenuti digitali - proprio per avere sempre tutti i documenti a portata di mano e per non perdere nulla. Ma un accesso non autorizzato ha cancellato tutto e si è impossessato del suo account di posta Gmail e del suo profilo Twitter.

Apple sembra avere il suo grado di responsabilità, visto che l´hacker ha contattato il giornalista americano vittima dell´attacco dichiarando di aver violato l´account iCloud piuttosto facilmente. Il cybercriminale avrebbe semplicemente contattato l´assistenza telefonica di Apple dichiarando di essere Mat Honan chiedendo e ottenendo il reset della password di iCloud.


Dropbox
Inconvenienti di questo tipo, oltre al malcapitato, potrebbero mettere a rischio anche l´azienda per la quale lavora e della quale conserva informazioni sui propri dispositivi. Un po´ come è accaduto nei giorni scorsi a Dropbox, un altro servizio che consente di archiviare dati sul web.

Fondamentalmente l´attacco a Dropbox ha colpito un dipendente dell´azienda, al quale è stata rubata la password. Gli hacker hanno così potuto avere accesso agli indirizzi di posta elettronica degli utenti clienti, i quali a loro volta sono stati vittime di spam.

L´azienda ha ammesso la violazione sul proprio blog, scusandosi con gli utenti e dichiarando di aver innalzato la soglia di protezione per la privacy degli utenti: autenticazione doppia, password più codice monouso ricevuto sul cellulare; nuovi meccanismi automatici in grado di individuare tempestivamente attività sospette; servizio di visualizzazione degli accessi attivi nel proprio account; reminder automatico per il cambio della password, qualora questa rimanesse la stessa troppo a lungo.

Steve Wozniak VS Cloud computing
Per Steve Wozniak, cofondatore di Apple esprime grandi perplessità sul cloud computing: «sono davvero preoccupato riguardo a tutto ciò che andrà nella cloud. Credo che sarà orrendo e che ci saranno un sacco di terribili problemi nei prossimi cinque anni».

La comodità di memorizzare i dati online è indubbia, avendo la possibilità di accedervi ovunque e da qualsiasi dispositivo. È però anche vero che i dati in questo modo vengono maggiormente esposti a possibili attacchi perché, come spiega, Wozniak «con il cloud computing, non possediamo niente. Ma abbiamo già firmato e sottoscritto. Più avanziamo nel trasferire tutto nel Web, e meno abbiamo il controllo delle informazioni».

http://www.pmi.it/tecnologia/software-e-web/news/57703/icloud-dropbox-e-i-rischi-del-cloud-computing.html

Stephen Gary Wozniak, soprannominato (The) Woz o Wizard of Woz (Sunnyvale, 11 agosto 1950), è un informatico statunitense. È conosciuto come uno dei padri della rivoluzione dei personal computer. Sebbene il suo contributo sia stato principalmente rivolto verso la realizzazione di tecnologie e la risoluzione di problemi tecnici, la sua dimestichezza con l´elettronica e la sua capacità quasi leggendaria di ridurre la complessità e quindi i costi delle componenti elettroniche lo hanno reso una delle figure più note nel mondo dell´informatica. Infatti è stato lui a progettare l´Apple I, il primo personal computer pronto all´uso.

http://it.wikipedia.org/wiki/Steve_Wozniak

Fonte: http://www.pmi.it

close
ACCEDI

NON SONO REGISTRATO

crea account
invia ad un amico
chiudi
Attenzione!
Non puoi effettuare più di 10 invii al giorno.
informativa privacy
Informativa per il trattamento dei dati personali ai sensi dell´articolo 13 del Codice della privacy (D.Lgs. n. 196/2003)


Gentile utente

la informiamo che i Vs dati personali, raccolti dalla fonte comunicata in calce al testo email o al fax che ha ricevuto, sono stati trattati per l´invio di comunicazioni commerciali a mezzo di posta elettronica o fax. Titolare del trattamento dei dati personali è SISOFT srl., nella persona del suo legale rappresentante Adriano Fredianelli, con sede in Montopoli in val d´Arno (PI), Via Napraia 29 (indirizzo e-mail infoy@sisoft.org ).

SISOFT srl ha adottato una specifica politica per la tutela della privacy, che può essere consultata all´indirizzo internet www.sisoft.org, che prevede le azioni e le misure previste per la tutela degli interessati e per l´esercizio dei diritti previsti dall´articolo 7 del codice della privacy.

La informiamo, altresì, che se desidera che i suoi dati siano rimossi dalla banca dati costituita e gestita da SISOFT srl., può scrivere un messaggio di posta elettronica all´indirizzo info@sisoft.org, indicando specificamente l´indirizzo e-mail (o tutti gli indirizzi facenti capo ad un dominio, nella sua disponibilità), di cui vuole la rimozione. Un messaggio le confermerà l´avvenuta cancellazione.
torna indietro leggi informativa privacy  obbligatorio